IL SEGRETO PER OTTENERE RISULTATI

 

NOI ESSERI LIBERI…!

Da Una Storia Vera.

Hai parecchi soldi, vivi nel lusso e godi del rispetto e della stima generale. Alla testa di importanti aziende da te controllate si trovano uomini capaci, che ti sono profondamente devoti. In poche parole la tua vita è un vero letto di rose. Pensi di essere totalmente libero, poiché, dopo tutto, il tuo tempo ti appartiene. Sei un patrono delle arti, dai disposizioni su problemi mondiali sorbendo una tazza di caffè, e ti interessi allo sviluppo dei poteri spirituali nascosti. Non sei estraneo alle cose spirituali, e ti senti a tuo agio di fronte alle questioni filosofiche. Sei colto e istruito. Grazie alle tue conoscenze che coprono i più svariati campi del sapere, hai la reputazione di uomo intelligente, in grado di risolvere qualunque problema. Sei il modello dell’uomo raffinato. In breve, sei una persona da invidiare.

Questa mattina ti sei svegliato sotto l’influsso di un brutto sogno. Questo leggero malumore è scomparso rapidamente, ma ha lasciato qualche traccia: una specie di lentezza, di esitazione nei movimenti. Vai allo specchio per spazzolarti i capelli e, inavvertitamente, lasci cadere la spazzola. Appena la raccogli, ti sfugge di nuovo. La riprendi con un po’ di impazienza, e per la terza volta ti scivola dalle mani. Cerchi di afferrrarla al volo, e invece la mandi a colpire lo specchio. Inutilmente cerchi di fermarla. Crac! Una stella di frammenti compare sullo specchio antico di cui andavi fiero. Accidenti!

I nastri del disappunto cominciano a girare. Hai bisogno di scaricare l’irritazione su qualcuno. Accorgendoti che il tuo domestico si è dimenticato di posare il giornale accanto al caffè del mattino, il vaso trabocca e decidi che quel buono a nulla non può stare più a lungo a casa tua.

E’ venuta l’ora di uscire. Dal momento che è una bella giornata e non hai da fare molta strada, decidi di andare a piedi, mentre l’automobile di segue al passo. Il bel sole ti fa un efftto rilassante. Un assembramento formatosi all’angolo della via attira la tua attenzione. Avvicinandoti, scorgi un uomo svenuto sul marciapiedi. Con l’aiuto dei passanti, qualcuno lo adagia su un taxi che lo porta ll’ospedale. Tu osservi che il viso stranamente familiare del tassista ti ricorda per associazione l’incidente che ti è capitato l’anno scorso. Stavi rientrando a casa dopo aver festeggiato allegramente un anniversario. C’erano dei pasticcini così deliziosi! Quel dannato domestico, dimenticandosi il giornale del mattino, ti ha rovinato la colazione. Non si può rimediare a questo guaio? Dopo tutto, i dolci e il caffè hanno la loro importanza! Eccoti proprio davanti al famoso caffè dove vai ogni tanto con gli amici. Ma perché ti era venuto in mente l’incidente? Hai quasi dimenticato i fastidi della mattinata… E adesso, il dolce e il caffè sono proprio così buoni?

Tò! Du belle ragazze al tavolo vicino. Che bionda incantevole! Ella ti lancia uno sguardo malizioso e sussurra all’amica: “Ecco il tipo di unomo che mi piace”. Certamente nessun fastidio merita più l’attenzione, né val la pena di prendersela per delle sciocchezze. C’è bisogno di farti notare com’è cambiato il tuo umore mentri facevi conoscenza con la bella bionda, e come si è mantenuto per tutto il tempo passato in sua compagnia?

Ritorni a casa canticchiando un motivetto allegro, e persino lo specchio rotto può solo strapparti un sorriso. Ma… e l’affare per cui eri uscito stamattina? Solo ora te ne sei ricordato… Niente di grave! Dopo tutto, si può sempre telefonare. Stacchi il ricevitore e la centralinista ti passa un numero sbagliato. Chiami un’altra volta, e l’errore si ripete. Un uomo ti avverte sgarbatamente che lo stai seccando. Tu rispondi che non dipende da te; ne segue una discussione dalla quale apprendi con stupore che sei un cafone, un idiota, e che se chiami ancora…

Il tappeto che ti si è arricciato tra i piedi ti esaspera, e dovresti sentire con che tono di voce sgridi il domestico che ti porta una lettera. E’ la lettera di una persona che tu stimi e la cui opinione ti preme molto. Il contenuto del messaggio è così lusinghiero che la tua irritazione a poco a poco svanisce, per lasciare il posto a quella deliziosa sensazione di imbarazzo che è solita suscitare l’adulazione. Al termine dlla lettera, sei di ottimo unore.

Potrei continuare a lungo a descrivere la vostra giornata, o voi, uomini liberi! Pensate forse che esageri? No, sono delle istentanee prese dal vivo. Quella che vi ho raccontato era una giornata di un uomo importante e di fama internazionale, ricostruita e descritta dal medesimo quella sera stessa, come esempio vivente di pensieri e sentimenti associativi.

Dov’è allora la libertà, quando le persone e le cose dominano un auomo al punto ch’egli dimentica il suo umore, i suoi affari e sestesso?

Ora siete in grado di capire meglio che un uomo non è necessariamente quel che sembra, e che non sono i fatti esteriori o le situazioni che contano, ma la struttura interna dell’uomo e il suo atteggiamento in rapporto a quei fatti.

Da: “Vedute Sul Mondo Reale” di Georges I. Gurdjieff

 

Quante volte abbiamo dato libero corso alle nostre associazioni interiori, dimenticandoci degli obiettivi che avevamo, e ci siamo lasciati distrarre da fatti e accadimenti che sono intervenuti involontariamente nella nostra vita.

Partiamo convinti, carichi, motivati e durante il cammino, quasi senza accorgencene, ci spegniamo e ci dimentichiamo della nostra destinazione, cambiamo direzione o molliamo. Cosa è successo?

E’ successo che non abbiamo sufficiente consapevolezza del nostro mondo interiore e di come questo influenza i nostri stati d’animo che a loro volta influenzano i nostri comportamenti, perdendo la rotta verso la destinazione.

La gran parte delle volte in cui non abbiamo realizzato i nostri obiettivi è stato per mancanza di un perché abbastanza forte, un valore fondamentale di cui ricordarsi nel momento del bisogno che ci sostenesse e aiutasse a superare gli ostacoli, rimanendo fedeli alla destinazione.

Altre volte, pur arrivando a destinazione, ci siamo accorti che in fin dei conti non era ciò che volevamo o credevamo. Non rispondeva al perché abbastanza forte.

Pertanto, se non vuoi sprecare tempo e risorse, rispetto ai tuoi obiettivi chiediti sempre: “C’è un perché abbastanza forte per cui voglio ottenere l’obiettivo che mi sono prefisso”? Quale valore fondamentale per la mia vita soddisfo?

Se non dovesse esserci cambia obiettivo o trova il perché abbstanza forte.

Se invece la risposta è si, mantienilo presente durante tutto il cammino verso la destinazione e scoprirai che niente e nessuno potrà distrarti dal raggiungerlo.

Il Coach: Rosario Allotta

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.